La scuola, per far fronte ai rapidi ed imprevedibili cambiamenti della società nella cultura, nella scienza e nella tecnologia, deve fare in modo che le giovani generazioni sviluppino competenze. Si parla di una dimensione della persona che, di fronte a situazioni e problemi, mette in gioco ciò che sa e ciò che sa fare, ciò che lo appassiona e ciò che vuole realizzare. La tecnologia deve essere uno strumento, non una metodologia. La lezione frontale ed il confronto tra docenti ed alunni rimane un canale di apprendimento e di condivisione insostituibile.

Il nostro concetto didattico/educativo in 10 punti:

  1. Apprendimento più attivo e personalizzato;

  2. Progetto individuale nel contesto classe;

  3. Erogazione multidisciplinare dei contenuti;

  4. Centralità dello studente;

  5. Imparare in modo significativo, autonomo e responsabile;

  6. Creare ambienti di apprendimento e di discussione;

  7. Valorizzazione delle capacità individuali e ricerca delle motivazioni;

  8. Partecipare all'apprendimento del singolo all'interno di un gruppo;

  9. Confronto educativo sulle diverse opinioni;

  10. Valorizzazione delle competenze individuali.