Bianchi: "A scuola il 26 è un segnale, i problemi li affronteremo".

Il ministro: "Non siamo ciechi né distratti"

"La volontà del presidente Draghi" di riportare tutti i ragazzi in presenza a scuola "vuole essere un segno importante: la scuola prima di tutto; affronteremo i problemi che ci sono. E una indicazione politica - nel senso più alto della parola - che diamo al Paese; i problemi li affronteremo, non siamo ciechi, nè distratti, siamo gente che lavora.

o ciechi né distratti"

FOTO Scuola: flash mob studenti davanti a Palazzo Marino - RIPRODUZIONE RISERVATA+CLICCA PER INGRANDIRE

Redazione ANSAROMA19 aprile 202119:56NEWS

  • Suggerisci

  • Facebook

  • Twitter

  • Altri

  • A-AA+

  • Stampa

  • Scrivi alla redazione

"La volontà del presidente Draghi" di riportare tutti i ragazzi in presenza a scuola "vuole essere un segno importante: la scuola prima di tutto; affronteremo i problemi che ci sono. E una indicazione politica - nel senso più alto della parola - che diamo al Paese; i problemi li affronteremo, non siamo ciechi, nè